ITALIA: scorte ai politici i perché

ITALIA: scorte ai politici i perché

In ITALIA sono molti i politici che girano con una scorta pagata dallo stato Italiano ( quindi da noi TUTTI ) a seguito, alcuni la hanno per motivi seri e indiscutibili mentre altri … diciamo per motivi un un po meno seri fino ad arrivare a motivi inesistenti equiparabili a quelli di ciascun altro normale cittadino ITALIANo

ma la domanda che uno si pone è : come mai tutti ‘sti politici hanno bisogno di una scorta?, è un diritto sancito dalla costituzione o dalle leggi vigenti nel Paese oppure un surplus che la politica s’è data magari con qualche ragione in tempi andati molto turbolenti ?

ed oggi tutte le persone che godono di una scorta ne hanno veramente bisogno ?
e senza che pericolo correrebbero ?
chi le regola? etc etc

partendo dal fatto che di questi tempi sarebbero davvero molti gli Italiani che se gli capitasse l’occasione darebbero volentieri anche solo un piccolo schiaffetto ad un politico a scelta a portata di mano ciò non vuol dire che allora qualsiasi membro della politica abbia bisogno di una scorta perlopiù pagata dal popolo anzi, escluso i casi in cui la scorta effettivamente necessita e quelli delle personalità più alte della rappresentanza politica Italiana gli altri potrebbero sicuramente farne a ameno o nel caso avessero manie di persecuzione , paura etc pagarsela di propria tasca così come fanno i restanti cittadini con le stesse problematiche

comunque per saperne e capirne di più abbiamo fatto come al solito una piccola ricerca sul web , sotto i risultati ….

alcuni dati dal mondo

Negli Usa hanno diritto ad una scorta permanente presidente e vicepresidente.
In Germania il capo dello Stato, il presidente del Bundestag e i ministri.

In Francia il Presidente dell’assemblea nazionale e quello del Senato.
etc. etc

A CHI SPETTA LA SCORTA IN ITALIA E PERCHE’?

Austria e Danimarca i paesi meno scortati, seguono Francia e Inghilterra.
In Italia sono circa 585 le personalità sotto scorta, di cui 411 con auto blindata

Passeggiando per le vie del centro se ne possono vedere a centinaia: Audi, Wolkswagen, Mercedes. Le auto blu sono dappertutto nel centro di Roma. Se ci si avvicina, poi, ai palazzi del potere, è ancora più facile incontrare baldi giovani vestiti di tutto punto, in giacca e cravatta, attrezzati con auricolari e woki-toki. Sono le scorte che “proteggono” i nostri politici e uomini di potere, che dovrebbero proteggerli dalla criminalità organizzata e dal terrorismo. Ma andando a guardare più da vicino, molti di coloro che ne godono, non sanno neanche dell’esistenza di minacce terroristiche o criminali. Infatti non si capisce per quale motivo, alcuni di loro, dovrebbero temere questo pericolo, loro che non si sono mai schierati contro la criminalità organizzata, loro che in più di una occasione ci hanno convissuto con la criminalità organizzata, magari li hanno anche difesi in tribunale, o si sono abbassati a scambi di favori. Che senso ha dare la scorta ai presidenti delle regioni, a semplici parlamentari, a ex ministri, agli stessi ministri se non sono sotto una minaccia specifica? Queste scorte vengono pagate con i soldi dei contribuenti italiani e per cui c’è un dispiego di forze dell’ordine probabilmente un pò spropositato. È difficile in realtà capire quanto effettivamente costino le scorte ai cittadini , sembra ci sia un alone di mistero. Il ministero degli Interni non ha mai fornito numeri precisi e forse non li conosce nemmeno. Da alcune indagini e ricerche sembrerebbe che sono circa 585 le personalità sotto scorta, di cui 411 con auto blindata.

Una “lista di priorità”

Ma ci si può tranquillizzare, perché esiste una “lista di priorità” degli scortati, suddivisa in livelli. Il primo livello, è concesso a 16 personalità e consiste in due o tre auto blindate con 3 agenti per auto. Il secondo livello, invece, prevede due auto blindate con 3 agenti ciascuna ed è assegnato a 82 personalità. Una sola blindata con 2 agenti a 312 personalità per il terzo livello. L’ultimo prevede un’auto non blindata con 1-2 agenti, dato a 174 personalità. Ma chi usufruisce dell’auto blindata? Per lo più magistrati e politici; in minima parte anche giornalisti, pentiti, sindacalisti e presidenti di regione e sindaci. Le forze dell’ordine impiegate per la sicurezza di queste personalità sono principalmente agenti di polizia e carabinieri, ma c’è anche un alto numero di circa 400 uomini della vigilanza, impiegati come bodyguard. Per citare solo alcuni che godono di questo servizio: il presidente della Lazio Claudio Lotito, l’ex ministro Paolo Cirino Pomicino, per altro condannato in via definitiva per corruzione che ha una guardia giurata e un’auto blu, i coniugi Mastella, Clemente e Alessandra Lonardo, rinviati a giudizio per aver recepito tangenti. Tra i giornalisti saltano all’occhio Vittorio Feltri, Bruno Vespa, Emilio Fede e Maurizio Belpietro, nonostante un’inchiesta giudiziaria abbia accertato che quest’ultimo non subì mai l’attentato denunciato dalla sua guardia del corpo. Ci sono, poi, i casi in cui la sicurezza dura tutta la vita, la così detta scorta eterna, di cui ne godono: l’ex ministro della Giustizia, Oliviero Diliberto che ha a disposizione autista e agente, l’avvocato ed ex deputato Carlo Taormina che gira con quattro uomini, mentre sono cinque gli agenti per l’ex sottosegretario Mario Baccini. Ma a questi si possono aggiungere gli ex presidenti di Camera e Senato, come Marcello Pera, Fausto Bertinotti e Pier Ferdinando Casini che sono sempre sotto controllo. E, in dolce sin fundo, come non citare Claudio Scajola, l’ex ministro che negò la scorta a Marco Biagi, che fu poi assassinato dalle Nuove Brigate Rosse nel 2002.
Proprio a lui, all’ex ministro dell’Interno Claudio Scajola, spettano otto poliziotti e due blindate. Niente a che vedere con i 18 agenti e le quattro auto che difendono il governatore della Sicilia, Raffaele Lombardo. Mentre personalità come il sacerdote Pino Puglisi e il giornalista Beppe Alfano non avevano la scorta e infatti sono stati uccisi dalla mafia, lasciati soli come tanti altri minacciati da pericoli quotidiani eppure non tutelati dallo Stato.

Il nodo delle revoche e il confronto con l’Europa

Una volta alcuni politici a rischio la scorta la sopportavano a mala pena perché gli era imposta per la reale incolumità della loro vita e del loro lavoro. Ora la scorta i politici che non corrono alcun rischio la vogliono. La pretendono e se non gliela danno fanno il diavolo a quattro.
Senza scorta si sentono come un generale senza medaglie e non hanno nulla da mostrare e dimostrare.
Un altro dato reso noto è che, negli ultimi anni, lo Stato ha investito 120 milioni di euro per comprare più di 600 Bmw e più di 100 Audi e un’ottantina di Audi A8 e Bmw 7, nei garage pubblici ci sono Lancia Thesis e Lybra, decine di Alfa 164, Fiat Corma e qualche Subaru Legacy.
Ma oltre al grave problema dell’assegnazione della scorta, ce n’è un altro ben più grave, quello delle revoche! Sembrerebbe, infatti, che l’assegnazione della scorta avviene attraverso una valutazione della gravità del rischio e non v’è dubbio che, quando l’assegnazione avviene, una necessità esiste. Ma il vero problema riguarda la revoca, ovvero il momento in cui questo rischio cessa e si dovrebbe procedere all’interruzione del servizio, perché il pericolo non esiste più o perché la persona ha cambiato incarico . A questo punto sembra intervenire una specie di meccanismo di resistenza da parte della persona , così spesso si prosegue in un servizio che non ha più ragione di esistere.
Ed è qua che cominciano gli sprechi. Gli ex presidenti di Camera e Senato, per esempio, hanno diritto a mantenere auto blindata e angeli custodi, anche se hanno ormai lasciato la politica: è accaduto con Irene Pivetti e Carlo Scognamiglio come per altri, accompagnati a spese dello Stato persino a mangiare la pizza o a partecipare a un convegno. Ma se guardiamo ai nostri vicini e alle altre capitali europee, la situazione è drasticamente diversa. Il governo danese è avanti su tutto rispetto a noi! Innanzi tutto le recenti elezioni hanno portato al potere una coalizione di socialdemocratici, di una sinistra più radicale e liberale, per lo più affidato nelle mani di una donna di 42 anni che ha scelto a sua volta altre 9 donne e in più ha due ministri di 26 e 28 anni rispettivamente assegnati alle finanze e alla sanità. Inoltre subito dopo l’elezione sono andati dalla loro Regina in bicicletta, attraversando in fila indiana il centro di Copenaghen e la meravigliosa piazza centrale pedonale. Ovviamente l’avvenimento in Italia è stato ignorato dalle nostre televisioni. Il nostro capo di governo potrebbe sfigurare, considerato che quando fa qualche passo a piedi è circondato da circa 31 uomini della scorta e 16 automobili di cui 13 sono blindate. Ma anche l’Austria viaggia sullo stesso binario della Danimarca ed è ugualmente da lodare. Infatti Reinhold Lopatka, sottosegretario alle infrastrutture, ha ricevuto molte mail e lettere di minaccia da sconosciuti. L’esponente politico, infatti, conduceva da mesi una battaglia contro i privilegi dei ferrovieri austriaci, una corporazione che gode di grandi benefici come nessun’altra in Austria e gli fu consigliato di munirsi di scorta, ma lui si è rifiutato accettando solo alcuni consigli su come proteggersi. Neanche da paragonare, insomma, alla doppia scorta di alcuni dei nostri politici. Va sottolineato che in Austria, di politici sotto scorta, ce ne sono soltanto due: il presidente della Repubblica e il cancelliere federale. Per nessun altro uomo pubblico lo Stato austriaco ha disposto un servizio di protezione analogo. Heinz-Christian Strache, leader della destra nazionalista, ha una scorta privata, pagata dal suo partito. Una scorta privata vigila anche sulla vita di Ariel Muzicant, presidente della Comunità ebraica, spesso preso di mira da fanatici neonazisti. Persino il palazzo della Cancelleria, nella Ballhausplatz, o quello del Ministero degli interni, nella Herrengasse, non sono protetti da uomini armati. Potete entrare fin nell’androne, prima che qualcuno vi si avvicini per chiedervi cortesemente che cosa desiderate. Anche in Francia e Inghilterra molti degli esponenti politici che usufruiscono del privilegio delle bodyguard, le pagano privatamente, mettendo mani al proprio portafoglio. Insomma altra politica, altri paesi, altra Europa, altri cittadini, solita Italia.

Lista di priorità. Primo livello: due o tre auto blindate con 3 agenti. Secondo livello: due auto blindate con 3 agenti ciascuna. Una sola blindata con 2 agenti per il terzo livello. L’ultimo prevede un’auto non blindata con 1-2 agenti.

articolo di Emanuela Maisto pubblicato al Link seguente – poliziaedemocrazia
*******************************************************************************************************

La scorta della Boldrini ci costa un milione l’anno

Ecco quanto spendiamo per il piccolo esercito che vigila sulla «Regina della Camera»

È la donna più scortata d’Italia, quindi d’Europa e, forse, del mondo. Un paradosso per chi, subito dopo la sua elezione alla terza carica dello Stato, aveva dichiarato lapidaria: «Ho chiesto di non avere la scorta. Non ho paura di camminare per Roma. Non ho paura di andare da casa in ufficio. Può accadere qualsiasi cosa in qualsiasi momento, ma questo vale per chiunque».

*************************************************************************************************************

SCORTA/ 600 beneficiari tra giornalisti, ex ministri, condannati o sotto processo. E molti ci vanno al mare

In Italia, secondo gli ultimi dati, girano con sirena e lampeggianti 584 personalità, scortate da più di 2 mila agenti. Una spesa colossale (1 miliardo e 99 milioni di euro l’anno) che, stando alla spending review, dovrebbe essere tagliata.

**************************************************************************************************

La figlia di Scalfaro scortata a vita


Il padre lasciò il Quirinale nel 1999. A Marianna resta garantita la sorveglianza (a nostre spese). Per quale motivo?

http://www.ilgiornale.it/news/politica/figlia-scalfaro-scortata-vita-1064289.html
*******************************************************************************************
ARRIVANO I TAGLI ALLE SCORTE MA E’ POLEMICA

http://www.poliziaedemocrazia.it/live/index.php?domain=archivio&action=articolo&idArticolo=2792
******************************************************
http://triskel182.wordpress.com/2014/02/17/piu-scorte-per-tutti-emiliano-liuzzi/

********************************************
dice che in molti vorrebbero la scorta per evitare accadimenti come quelli di cui nei video sotto se fosse davvero così allora non farebbero prima a tornare cittadini normali ?.

ù

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...